Torna disponibile “Molokai, la isla maldita”, di Luis Lucia. Il film, del 1959, parla di padre Damiano, missionario che a fine Ottocento salpò per le Hawaii per aiutare i malati di lebbra

Nel 2010 la Filmoteca Vaticana ha digitalizzato una pellicola spagnola in bianco e nero, realizzata nel 1959. Il film è “Molokai, la isla maldita”, di Luis Lucia, sulla figura di padre Damiano. In Spagna ebbe notevole successo di pubblico e critica, ricevendo addirittura un riconoscimento come miglior film e miglior regia.

Molokai ricorda Joseph de Veuster, sacerdote belga della Congregazione dei Sacri Cuori di Gesù e Maria. Conosciuto con il nome di padre Damiano, rappresenta un esempio universale di aiuto umanitario e di solidarietà.

Il film

"Molokai", il film su padre Damiano che aiutò i malati di lebbra Il film si apre con l’immagine di un’imbarcazione che naviga nelle acque dell’oceano Pacifico. A bordo c’è padre Damiano che nel 1873 parte come missionario volontario verso l’isola di Molokai, nelle Hawaii, infelicemente conosciuta come luogo di segregazione per i malati di lebbra.

Qui il sacerdote resterà sedici anni, riportando tra quegli uomini la dignità negata. Morirà nel 1889, dopo aver contratto egli stesso la lebbra. Ma non prima di essere riuscito a portare avanti il suo servizio ai malati e aver favorito numerose conversioni.

Padre Damiano, che sull’isola di Molokai affrontò una doppia battaglia, combattendo non solo contro la lebbra ma contro i pregiudizi, è stato beatificato da Giovanni Paolo II nel 1995 e poi canonizzato da Benedetto XVI nell’ottobre 2009.