Una seguitissima manifestazione di piazza, a Pinerolo, il 16 ottobre. Gli alunni delle scuole primarie hanno imparato i principi della rianimazione dopo un arresto cardiaco

Pinerolo, a scuola di rianimazione dopo un arresto cardiaco
Foto Lino Gandolfo

La manifestazione di VIVA (settimana di sensibilizzazione per la rianimazione cardiopolmonare) che si è svolta a Pinerolo il 16 ottobre scorso, ha visto la partecipazione di ben 860 studenti.

Pinerolo, a scuola di rianimazione dopo un arresto cardiacoI 24 stand sistemati in piazza Vittorio Veneto durante tutto il giorno hanno accolto i ragazzi delle scuole primarie. Si è registrata anche la presenza di una scuola superiore e dei bambini della scuola dell’infanzia di Cumiana.

Soddisfatti dei risultati gli operatori, volontari di diverse associazioni. L’obiettivo del programma “VIVA”, organizzato nell’ASL TO3, è sensibilizzare gli alunni fin da giovani sull’importanza di saper “cosa” fare” in circostanze impreviste.

Gli arresti cardiaci nel Pinerolese

Nella sola ASL TO3 gli arresti cardiaci sono mediamente 550/600 ogni anno. Saper intervenire con le giuste tecniche di rianimazione o comunque saper attivare un corretto intervento di allerta per il sistema di emergenza, può aiutare a salvare una vita.

Le figure professionali coinvolte sono state medici ed infermieri, istruttori IRC (Italian Resuscitation Council). E poi agenti della Polizia di Stato e sezione Pol-strada, Carabinieri, Corpo Polizia Municipale, Vigili del Fuoco, e naturalmente i volontari delle associazioni.