Quest’anno è ricchissima l’offerta di soggiorni all’interno di strutture religiose, all’insegna del relax. Ecco i benefici di una vacanza in convento

«Che preferiate il mare o la montagna, i laghi o i boschi, le città d’arte o i luoghi ameni, troverete sempre in tutte le regioni una vacanza a misura d’uomo in una struttura religiosa».

È questo il messaggio che viene dal portale no-profit www.ospitalitareligiosa.it. Per l’imminente estate ha registrato ben 500 strutture religiose in tutta Italia disponibili ad accogliere i turisti. Si tratta di conventi, case per ferie, istituti religiosi. Offrono un soggiorno “esperienziale” destinato a distinguersi rispetto alla più classica delle vacanze.

Location spesso uniche, paesaggi invidiabili, tranquillità, familiarità: questi gli ingredienti essenziali per trascorrere qualche giorno di vero relax.

Una vacanza su misura

Sul portale dell’ospitalità religiosa chiunque può costruirsi in pochi click la propria vacanza indicando una scala di esigenze. Otterrà così un elenco delle strutture che corrispondono ai suoi desideri e potrà contattarle direttamente senza alcuna intermediazione.

Oltre alle 500 strutture religiose che quest’anno hanno scelto di aprire le porte ai turisti, altrettante sono quelle laiche che hanno manifestato, tramite il portale, la propria disponibilità verso il particolare settore dell’ospitalità religiosa.

I benefici dell’estate in convento

Ma in entrambi i casi, comunque, l’invito alla vacanza è davvero per tutti. E stavolta anche per i meno abbienti. L’iniziativa delle Settimane della Misericordia, voluta dal portale con l’apprezzamento di Papa Francesco, mette a disposizione oltre tremila notti gratuite per chi una vacanza non potrebbe permettersela.

Un motivo in più per riconoscere a queste strutture il merito di un’accoglienza a 360 gradi. E per gustarsi una vacanza che, in fondo, farà del bene davvero a tutti.